Contenuto:

In qualità di marketer, niente è così doloroso come vedere i clienti passare attraverso l’intero imbuto di vendita solo per abbandonare i carrelli della spesa all’ultimo minuto.

Ma guardando le ultime statistiche sull’abbandono del carrello, avrai un’idea del motivo per cui ciò accade e di come può influire sulla tua attività.

Ancora meglio, avrai le informazioni necessarie per apportare modifiche alla tua strategia per aumentare le tue possibilità di chiudere una vendita.

Detto questo, ecco una carrellata delle migliori statistiche sull’abbandono del carrello per aumentare il ritorno sull’investimento (ROI).

Statistiche sull’abbandono del carrello – Scelte dall’editore

  • I marchi possono perdere $ 18 miliardi a causa dell’abbandono del carrello. (Campo Dinamico)
  • I costi extra sono il motivo principale per cui gli utenti abbandonano i loro carrelli. (Bamard)
  • Il tasso medio di abbandono è del 69,80%. (Bamard)

Statistiche e fatti sul ROI dell’abbandono del carrello

I rivenditori online possono perdere molti soldi a causa dell’abbandono del carrello. In questa sezione imparerai l’impatto che l’abbandono del carrello ha su un’azienda. Inoltre, ci sono informazioni qui che ti mostreranno che l’abbandono del carrello non significa necessariamente vendite perse.

I marchi possono perdere $ 18 miliardi a causa dell’abbandono del carrello.

Sì, le aziende possono perdere fino a 18 miliardi di dollari di fatturato annuo grazie all’abbandono del carrello secondo Forrester Research (tramite Dynamic Yield). Ed è possibile che quel numero aumenti fino a $ 4 trilioni negli anni successivi.

Ecco perché è così importante affrontare l’abbandono del carrello. È qualcosa che l’industria dell’e-commerce non può più permettersi. Se sei un venditore online di beni e servizi, dovresti creare una strategia di riduzione dell’abbandono.

Fonte: Forrester Research (tramite Dynamic Yield)

L’utilizzo degli annunci di retargeting può farti ottenere un ROI del 1.300%.

Gli annunci di retargeting mostrano agli utenti prodotti o servizi in cui sono investiti personalmente. Ecco perché è il modo migliore per riportare lead qualificati alle tue pagine di vendita.

Ci sono marchi che lo fanno già. In un caso, Zendesk è riuscita a ottenere un ROI dell’1.300% grazie agli annunci di retargeting.

Quindi, anche quando le persone abbandonano i loro carrelli, puoi utilizzare gli annunci di retargeting per riaccendere il loro interesse per il tuo marchio e riportarli da dove si erano interrotti.

Fonte: tasso di crescita

I rivenditori del Regno Unito stanno perdendo 18 miliardi di sterline di vendite a causa dell’abbandono del carrello.

L’abbandono del carrello non è un problema solo negli Stati Uniti. Anche i rivenditori del Regno Unito stanno perdendo vendite fino a 18 miliardi di sterline a causa di ciò.

Questo perché gli acquirenti del Regno Unito hanno l’abitudine di guardare le vetrine online o di aggiungere articoli nel carrello ma di abbandonare prima di completare la vendita. Gli inglesi tendono ad abbandonare i carrelli con quasi £ 30 di merci ogni mese.

I prodotti più abbandonati nel Regno Unito includono maglieria da donna, pelletteria, lingerie da donna, cuffie, orologi, abbigliamento sportivo e gonne da donna, libri, pantaloni da uomo e top e camicie da donna.

Fonte: Barclaycard

L’abbandono del carrello non significa mancate vendite.

Secondo Deborah Goldring, professore associato di marketing presso la School of Business Administration della Stetson University, l’abbandono del carrello non si traduce necessariamente in vendite perse.

Ha affermato che esiste anche il fenomeno dell’attività di quasi acquisto in cui i clienti utilizzano il carrello della spesa come lista della spesa. I clienti lo fanno per salvare gli articoli per un secondo momento. Oppure usano i carrelli della spesa per salvare le informazioni sui prezzi e confrontare le spedizioni.

A volte, i clienti acquistano anche online ma scelgono di acquistare gli articoli in negozio.

Fonte: filo CMS

Statistiche sul comportamento degli utenti sull’abbandono del carrello

I consumatori hanno diversi motivi per cui scelgono di abbandonare i loro carrelli della spesa. E la chiave per ottenere tassi di conversione migliori è capire perché queste persone scelgono di andarsene in primo luogo.

Qui troverai i motivi più comuni per cui le persone abbandonano la pagina di pagamento e cosa puoi fare per risolverli.

I costi extra sono il motivo principale per cui gli utenti abbandonano i loro carrelli.

Un sondaggio condotto da Baymard su oltre 4.000 consumatori è stato in grado di determinare il motivo principale per cui le persone abbandonano i carrelli. Un enorme 49% degli intervistati ha affermato di aver trovato costi aggiuntivi come spedizione, tasse e commissioni varie troppo alti.

Il 24% degli intervistati ha affermato di aver rinunciato alla cassa perché gli è stato chiesto di creare un account per completare la transazione.

Altri motivi degni di nota includono una procedura di pagamento complicata, l’impossibilità di trovare il costo iniziale totale, la mancanza di opzioni di pagamento sufficienti e le carte di credito rifiutate.

Tuttavia, la maggior parte di questi problemi può essere risolta apportando modifiche al tuo sito di e-commerce. Quindi tieni a mente questi motivi quando aggiorni le tue pagine di pagamento.

Fonte: Baimard

Gli utenti di dispositivi mobili tendono ad abbandonare i carrelli della spesa a un tasso più elevato.

Il tasso di abbandono del carrello degli acquisti è peggiore per gli utenti di dispositivi mobili rispetto a quelli di tablet e desktop/laptop. Secondo Barilliance, il tasso di abbandono sui telefoni è dell’80,79% nel 2019.

È enorme considerando che gli utenti desktop hanno solo un tasso di abbandono del 73,93%.

Per compensare ciò, puoi provare a ottimizzare il tuo negozio online per i dispositivi mobili, mantenendo i dettagli più importanti della pagina above the fold, migliorando l’esperienza dell’utente e rendendo le pagine dei prodotti il ​​più concise possibile.

Fonte: Barilliance

Nota: non sei soddisfatto della tua attuale piattaforma di e-commerce? Dai un’occhiata al nostro confronto tra le migliori piattaforme di e-commerce per costruire il tuo negozio online.

Il 57% dei clienti online se ne andrà se una pagina non si carica in 3 secondi.

Se il tuo sito web, inclusa la pagina di pagamento, non si carica in 3 secondi, c’è una buona possibilità che le persone abbandonino il tuo sito. Il tasso di abbandono è del 57%.

A peggiorare le cose, l’80% di quei potenziali clienti non tornerà mai più sul tuo sito.

All’estremità opposta dello spettro, coupon e codici sconto contribuiranno a dare impulso a un’attività. La metà dei clienti con sede negli Stati Uniti utilizzerà un codice coupon. E il 4% proverà persino gratitudine per aver ottenuto un coupon o uno sconto.

Fonte: Voucher Cloud

I siti Web difficili da navigare portano all’abbandono del carrello.

Michelle Abdow, presidente di Market Mentors LLC, ha affermato che un sito difficile da navigare frustra i clienti, il che porta all’abbandono del carrello. Alcuni dei fattori che rendono difficile la navigazione di un sito includono collegamenti interrotti, troppe categorie di prodotti, tempi di caricamento lenti e scarsa organizzazione del sito.

Per risolvere questo problema, le aziende possono condurre un audit completo del sito per scoprire dove risiedono i problemi.

Fonte: Forbes

Il 44% dei consumatori del Regno Unito abbandona i carrelli se il loro metodo di pagamento preferito non è disponibile.

Un nuovo studio mostra che i clienti del Regno Unito abbandoneranno i loro carrelli se non trovano il loro metodo di pagamento preferito durante il checkout.

Per i millennial (ovvero i nati tra il 1980 e il 1993) il tasso di abbandono sale al 51%. I clienti della Gen Z (nati dal 1994 al 2001) hanno un tasso di abbandono del 48%. Queste due generazioni sono le più attive quando si tratta di acquisti online.

Ecco perché i rivenditori devono aggiungere più metodi di pagamento, altrimenti perdono l’opportunità di chiudere le vendite.

Fonte: portale IT Pro

Gli utenti utilizzano l’abbandono del carrello come una forma di terapia al dettaglio.

Sebbene l’abbandono del carrello possa essere frustrante per il settore dell’e-commerce, è terapeutico per i consumatori, specialmente durante la pandemia. A causa dell’elevato tasso di disoccupazione nel 2020, le vetrine online sono diventate la nuova forma di terapia al dettaglio.

Invece di andare al centro commerciale dove le persone devono recarsi in auto, i rivenditori online sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e possono essere eseguiti in sicurezza comodamente da casa. È un modo più sicuro per ottenere la stessa soluzione.

Alcune persone descrivono il processo come una forma di rilassamento, una novità, un’attività contro l’insonnia e un hobby.

Fonte: Vice

Il 50% degli acquirenti abbandonerà i carrelli della spesa se le opzioni di consegna non sono soddisfacenti.

Il 50% degli acquirenti ha affermato di aver abbandonato i carrelli della spesa perché le scelte di consegna offerte dal rivenditore non sono soddisfacenti o non soddisfano le loro esigenze.

E non finisce qui. Il 60% ha affermato che acquisterebbe lo stesso prodotto o un prodotto simile da un altro rivenditore che offre il tipo di scelta di consegna che sta cercando.

Per evitare questo problema, dovresti assicurarti che la tua gamma di consegna dei prodotti sia ampia e ben supportata in modo che i tuoi clienti abbiano il maggior numero di opzioni.

Fonte: SmartCompany

Statistiche sul tasso di abbandono del carrello

Questa serie di statistiche sul tasso di abbandono del carrello ti darà un’idea migliore di quanti consumatori se ne vanno prima di acquistare i prodotti. Ti dirà anche quali settori hanno maggiori probabilità di avere tassi di abbandono più elevati.

Il tasso medio di abbandono è del 69,80%.

Baymard ha esaminato 44 diversi studi sui tassi di abbandono. E quando hanno calcolato il tasso medio di abbandono del carrello, hanno scoperto che in realtà è del 69,80%

Fonte: Baimard

Barilliance pone il tasso medio di abbandono al 77,24%.

Troverai cifre diverse online su quale sia il tasso medio di abbandono del carrello. Ma secondo Barilliance, il tasso è del 77,24% a partire dal 2021. Ha notato, tuttavia, che alcune fonti lo collocano fino all’80% e fino al 55%.

In confronto, Barilliance ha rilevato che il tasso del 2021 è leggermente inferiore a quello del 2017, che è del 78,65%.

Ciò significa per gli imprenditori che oltre un terzo degli acquirenti non effettua la vendita e abbandona invece i carrelli della spesa online.

Fonte: Barilliance

L’industria automobilistica ha il più alto tasso di abbandono.

Secondo Statista, l’industria automobilistica ha il più alto tasso di abbandono a marzo 2020. Il suo tasso è davvero alto al 96,88%.

Altri settori con alti tassi di abbandono includono neonati e bambini (94,36%), lusso (92,61%), noleggio auto (92,04%), compagnie aeree (90,91%), moda (90,68%), giardinaggio e fai da te (90,34%) e crociere. e traghetto (90,13%).

Source: Statista

I tassi di abbandono del carrello sono aumentati dall’inizio del Covid-19.

Il vicepresidente di Amperity Jordan Elkind ha dichiarato in un’intervista che una recente analisi ha mostrato che i clienti hanno creato il 46,8% in più di carrelli della spesa dall’inizio della pandemia rispetto all’anno precedente.

Nello stesso periodo, il tasso di abbandono del carrello è aumentato al 94,4%. Questo è un grande balzo in avanti rispetto al tasso di abbandono dell’anno precedente dell’85,1%.

In una nota correlata, la piattaforma di shopping digitale ShopStyle ha notato un aumento nell’uso del pulsante dei preferiti da parte dei suoi acquirenti. I preferiti sono aumentati del 392%.

Fonte: Oggi

Statistiche aziendali sull’abbandono del carrello

In che modo le aziende stanno affrontando i loro tassi di abbandono? E ci sono tecnologie che potrebbero aiutare a ridurlo?

Le aziende sanno fin troppo bene quanto l’abbandono del carrello possa danneggiarle. Ecco perché stanno utilizzando la tecnologia per migliorare i loro numeri.

Questa sezione ti mostrerà come i rivenditori online stanno cercando di combattere gli alti tassi di abbandono.

JCPenney ha ridotto l’abbandono del carrello del 18% utilizzando l’intelligenza artificiale.

Dopo che JCPenney ha implementato la sua intelligenza artificiale predittiva, l’azienda ha registrato un calo del tasso di abbandono fino al 18%. La tecnologia AI ha prodotto risultati positivi portando un coinvolgimento mirato in tempo reale.

JCPenney ha collaborato con Metrical per implementare la sua tecnologia AI per migliorare l’esperienza del cliente. Grazie a ciò, la creazione di nuovi carrelli è aumentata del 40% e ha registrato un aumento del 10% delle entrate sulle visite mirate.

Ancora più importante, JCPenney ha registrato una riduzione del 18% nell’abbandono del carrello.

Fonte: Sistemi informativi di vendita al dettaglio

Il 45% delle email di abbandono del carrello viene aperto.

Il database di Moosend mostra che quando i marchi inviano e-mail di abbandono del carrello, il 45% di esse viene aperto. E tra le email aperte, il 21% ha ricevuto click-through.

Ciò che è ancora più impressionante è che tra coloro che hanno interagito con il contenuto delle e-mail di abbandono del carrello, la metà ha completato i propri acquisti.

Fonte: Moosend

Navis ha rilasciato una soluzione integrata per l’abbandono del carrello.

Navis ha rilasciato una soluzione integrata per l’abbandono del carrello che collega i motori di prenotazione di siti Web più popolari del settore con il suo Navis CRM.

Ciò significa che per i suoi partner albergatori è che quando gli ospiti escono dal loro sito Web, una nuova applicazione di abbandono del carrello della spesa spinge questi lead in Navis dove invia e-mail di follow-up automatiche e consente ai team di vendita delle prenotazioni di agire di conseguenza.

Durante il programma pilota, i loro clienti hanno ricevuto un tasso medio di conversione dei lead di abbandono dal 25 al 40%.

Fonte: Navis (tramite PR Newswire)

I rivenditori online sono alla ricerca di nuove soluzioni per l’abbandono del carrello.

I rivenditori online stanno investendo tempo e risorse per affrontare l’abbandono del carrello. In particolare, stanno cercando modi per velocizzare e ottimizzare il processo di pagamento.

Una delle soluzioni popolari esaminate è implementare metodi di pagamento con un clic simili a quelli attualmente utilizzati da Amazon.

Stanno anche cercando di integrare portafogli digitali come Apple Pay. Sulla base della ricerca, il 50% della popolazione mondiale utilizzerà i portafogli digitali entro il 2024 e le transazioni di pagamento senza contatto supereranno i 1,5 trilioni di dollari.

Se la tua azienda è in difficoltà, prova a esaminare una di queste soluzioni.

Fonte: Forbes

La forte autenticazione del cliente porta all’abbandono del carrello.

I test condotti da Microsoft mostrano che l’autenticazione forte del cliente o SCA porta i clienti ad abbandonare i loro acquisti a tassi elevati.

SCA è un processo di verifica in due passaggi per tutti gli acquisti online europei. Ciò significa per i clienti che dovranno fornire più di una prova di identità per acquistare un prodotto come una password, un’impronta digitale o una scansione facciale o l’accesso al proprio telefono.

I test confermano che agli utenti non piacciono le sfide presentate da SCA e che li lascia confusi. Ci sono anche casi in cui la SCA è mal implementata.

Cosa possiamo imparare da questo? Non complicare eccessivamente il processo di pagamento. Quando i consumatori lottano, tendono a mollare tutto e ad andarsene. Non lo vuoi.

Fonte: Finextra

Google può aggiungere articoli ai carrelli della spesa.

Google non solo può aggiungere articoli ai carrelli della spesa, ma lo fa intenzionalmente per verificare il prezzo fornito dai commercianti online.

Google lo ha confermato tramite SEO Roundtable. Per citare il gigante dei motori di ricerca, “Utilizziamo sistemi automatizzati per garantire che i consumatori ricevano informazioni accurate sui prezzi dai nostri commercianti. Questo a volte porta i commercianti a vedere i carrelli abbandonati come risultato del nostro sistema che verifica se il prezzo visualizzato corrisponde al prezzo al momento del pagamento.

Questo fa parte della repressione di Google su Google Merchants che viola le politiche sui prezzi del sito. Ma ciò che significa per i rivenditori online è che potrebbero trovare carrelli abbandonati che non sono organici.

Fonte: tavola rotonda SEO

L’opzione di pagamento rateale “Acquista ora, paga dopo” aiuta a ridurre il tasso di abbandono.

Fiserv, una soluzione tecnologica per i servizi finanziari, ha introdotto un’opzione di pagamento rateale “Acquista ora, paga dopo” nel tentativo di aiutare la sua rete di negozi online a ridurre il tasso di abbandono del carrello.

Questa è un’ottima soluzione per i consumatori che non hanno accesso alle carte di credito o per coloro che cercano un modo per preventivare le proprie entrate. Richiama anche una delle precedenti statistiche sull’aggiunta di tante opzioni di pagamento per ridurre il tasso di abbandono del carrello.

Fonte: Intelligenza IBS

Fonti statistiche sull’abbandono del carrello

  • Baimard
  • Barillanza
  • Forrester Research (tramite rendimento dinamico)
  • Buono Nuvola
  • Tasso di crescita
  • Statista
  • Barclaycard
  • Sistemi informativi per la vendita al dettaglio
  • Forbes
    • Fonte 1
    • Fonte 2
  • Oggi
  • Filo CMS
  • Alce
  • Navis (tramite PR Newswire)
  • Portale IT Pro
  • Finextra
  • Vice
  • Tavola rotonda SEO
  • Azienda intelligente
  • Intelligenza dell’IBS

Conclusione

I negozi di e-commerce perdono molti soldi a causa dell’abbandono del carrello. Ma se perdi clienti durante il checkout, sappi che non è la fine del mondo.

Ci sono molte cose che potresti fare per risolvere il problema. Come suggerito dagli esperti, potresti fare una revisione completa del sito per vedere se ci sono punti deboli per i tuoi clienti che impediscono loro di convertire.

Il tuo sito si carica lentamente? Richiedi ai clienti di inserire troppe informazioni? Hai le giuste opzioni di pagamento e spedizione?

Queste sono solo alcune delle cose che potresti esaminare.

Inoltre, gli studi dimostrano che i consumatori rispondono bene ai follow-up via e-mail. Quindi potresti provare a inviare email di abbandono del carrello per provare a convertire parte di coloro che hanno abbandonato il processo di conversione.

Infine, se desideri un modo rapido e semplice per calcolare il ritorno sull’investimento, dai un’occhiata al nostro calcolatore del ROI gratuito.